IL SALUTO DI CLAUDIO ODORICO, SINDACO DI CONCORDIA SAGITTARIA

Odorico

“Concordia Vi invita ad una nuova edizione della Festa di Santo Stefano, punto di riferimento per i concordiesi che sono capaci di dare il meglio di sé nell’agricoltura, nel commercio, nell’artigianato, nel volontariato, seguendo un copione ormai consolidato in grado di creare una manifestazione partecipata, vissuta, apprezzata ed attesa da tutti. Abbiamo il dovere, per la nostra comunità, di valorizzare questo appuntamento e l’apprezzamento dei numerosi visitatori nella passata edizione è stata una testimonianza di quanto questa manifestazione sia nel cuore non solo dei Concordiesi ma di tutti.

Nell’ambito dei festeggiamenti il ruolo della Fiera è sostanziale e non si esaurisce nel presentare al pubblico una consuetudine; edizione dopo edizione, la manifestazione offre un’occasione di incontro tra gli operatori economici, consapevoli che soltanto attraverso la conoscenza, il confronto e l’innovazione si può migliorare.
La nostra Fiera è una forte testimonianza del legame che abbiamo con il nostro territorio, con la nostra cultura e con le nostre tradizioni. Tradizioni che abbiamo il dovere di tramandare alle nuove generazioni del nostro Paese. Abbiamo bisogno di investire sulle giovani generazioni e l’iniziativa “Il mondo in un progetto di vita partendo da Concordia” ed altri incontri che si terranno durante la Fiera vanno proprio in questo senso.

Voglio ricordare che anche le scuole hanno dato il loro contributo alla manifestazione partecipando al bando di concorso per i nuovi loghi della Fiera.
Anche quest’anno insieme alla Pro Loco, all’Associazione Fiera Santo Stefano e a tutti i volontari cercheremo di arricchire la festa per renderla sempre più stimolante riempiendo tutti gli spazi disponibili nell’intento di proporre un programma ricco di eventi per tutte le esigenze.

Non posso negare che ogni anno ci sia qualche complicazione in più, in particolare le nuove norme sulla sicurezza, che sempre più stringenti, mettono in seria difficoltà gli organizzatori. Ciascuno di noi poi, nessuno escluso, ha preoccupazioni e responsabilità che segnano la vita quotidiana e diventa sempre più difficile impegnarsi nel volontariato. Ma occorre reagire, trovando la forza nella nostra comunità, nelle potenzialità che esprime e nella voglia di “fare” che è la caratteristica dei Concordiesi.

La Festa di Santo Stefano mette in moto ogni anno un’imponente macchina organizzativa e per questo voglio esprimere un vivo e sentito ringraziamento a tutti coloro che, a vario titolo, si adoperano affinché la nostra festa patronale diventi una vetrina per le nostre realtà produttive e un momento di svago per le famiglie; soprattutto perché possa sempre più promuovere un territorio che lascia un segno nel cuore di chi lo visita.

Devo ringraziare anche i dipendenti comunali, la Polizia Locale, i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile, la Croce Rossa e le forze dell’ordine che operano per il continuo miglioramento dell’evento, nel rispetto delle normative e della pubblica sicurezza.

Concludo augurando a tutti noi che la Festa di Santo Stefano, sia una grande opportunità per incontrarci, per conoscerci meglio, per stare insieme e scambiare due chiacchiere, e soprattutto per dimostrare il nostro modo di vivere e amare Concordia.

Appuntamento quindi con tutti Voi a giovedì 2 agosto, giorno dell’apertura della Fiera.”

Comments are closed.